Giovani, periferie al centro

giovani header














Messaggio per la 91esima Giornata per l'Università Cattolica del Sacro Cuore - 19 aprile 2015


I giovani sono stati sempre al centro del progetto formativo dell’Università Cattolica del Sacro Cuore. Fin dagli inizi Padre Agostino Gemelli aveva pensato ad una università che fosse in grado di porre al centro la formazione dei giovani, offrendo loro l’opportunità di una crescita integrale e di un’alta formazione professionale. 
 


Il coinvolgimento dei cattolici italiani nel sostegno operoso e convinto all’Università Cattolica del Sacro Cuore ha consentito di garantire a decine di migliaia di giovani del nostro Paese il sostegno per uscire da situazioni di marginalità sociale e culturale, potendo accedere agli studi superiori e così contribuire con le competenze acquisite al bene del Paese e della comunità ecclesiale.
Forte di questa consolidata tradizione l’Università Cattolica è chiamata oggi a rendere ancora più incisivo il suo impegno a servizio dei giovani che si trovano a vivere nuove e, a volte drammatiche, situazioni di marginalità, nel nostro Paese e in tante parti del Mondo. Un particolare pensiero lo rivolgiamo ai tanti giovani che in Medio Oriente, soprattutto tra i cristiani, sono stati costretti a lasciare la loro terra e a interrompere gli studi. Il tema proposto per la celebrazione della 91ª Giornata per l’Università Cattolica del Sacro Cuore “Giovani, periferie al centro”, che si svolgerà domenica 19 aprile, ci sollecita a sviluppare una attenta riflessione e ad assumere con decisione iniziative che promuovano una rinnovata centralità dei giovani, sottraendoli a quelle periferie spirituali, sociali e culturali in cui la società sembra volerli confinare.

PRESIDENZA DELLA CEI

 

UA-61173764-1