«Fedeli a Giussani che scese fino al fondo dell'umano»

francesco header
















Il 7 marzo 2015 Papa Francesco ha incontrato il movimento di Comunione e Liberazione, nel sessantesimo anniversario della sua fondazione e a dieci anni dalla scomparsa del fondatore, monsignor Luigi Giussani. L'incontro è stato occasione per testimoniare la profonda e personale riconoscenza del Pontefice a Giussani e al suo insegnamento, prezioso per tutta la Chiesa, e per riflettere sulla natura e la missione dei movimenti, che non devono mai ridursi a «museo» dei fondatori, per quanto grandi, ma dal loro insegnamenti devono trarre la forza per «uscire» ed evangelizzare gli uomini e le donne di oggi.

Il «primo pensiero» del Papa è stato proprio per Giussani. «Sono riconoscente a Don Giussani», ha detto papa Francesco, «per varie ragioni. La prima, più personale, è il bene che quest’uomo ha fatto a me e alla mia vita sacerdotale, attraverso la lettura dei suoi libri e dei suoi articoli. L’altra ragione è che il suo pensiero è profondamente umano e giunge fino al più intimo dell’anelito dell’uomo». Il Pontefice ha ricordato il cuore dell'insegnamento di Giussani: «l’esperienza dell’incontro: incontro non con un’idea, ma con una Persona, con Gesù Cristo. Così lui ha educato alla libertà, guidando all’incontro con Cristo, perché Cristo ci dà la vera libertà». E ha messo in relazione questa idea centrale di Giussani con un quadro, «La vocazione di Matteo», «quel Caravaggio», ha detto, «davanti al quale mi fermavo a lungo in San Luigi dei Francesi, ogni volta che venivo a Roma», dove Gesù va a prendere un peccatore, un pubblicano come Matteo e lo chiama a seguirlo e a diventare santo. «Nessuno di quelli che stavano lì, compreso Matteo avido di denaro, poteva credere al messaggio di quel dito che lo indicava, al messaggio di quegli occhi che lo guardavano con misericordia e lo sceglievano per la sequela. Sentiva quello stupore dell’incontro. È così l’incontro con Cristo che viene e ci invita».

di Massimo Introvigne

Fonte: http://www.lanuovabq.it

 

UA-61173764-1